mafia

Milano, 11 arresti per appalti Expo e Fiera

Pubblicato il 06 Lug 2016 alle 10:06am

Sarebbero 11 le persone, arrestate questa mattina nell’ambito di un’inchiesta condotta dalla Dda di Milano con al centro reati tributari, riciclaggio e associazione per delinquere con l’aggravante della finalità mafiosa. (altro…)

Corleone, i boss progettavano di uccidere il ministro Alfano, come il presidente americano Kennedy

Pubblicato il 20 Nov 2015 alle 11:40am

I carabinieri del Gruppo di Monreale, con l’aiuto di unita’ cinofile per la ricerca di armi e di un elicottero, hanno eseguito un’operazione antimafia tra i comuni di Corleone, Chiusa Sclafani e Contessa Entellina, nel palermitano. L’inchiesta, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, avrebbe scongiurato un omicidio già pianificato.

Alcuni mafiosi arrestati dai carabinieri pensavano di uccidere il ministro dell’Interno Angelino Alfano, perché ritenuto il responsabile dell’inasprimento del 41bis.

“Dovrebbe fare la fine di Kennedy”, avrebbero detto nel corso di una intercettazione. “Se c’è l’accordo gli cafuddiamo (diamo ndr) una botta in testa. Sono saliti grazie a noi. Angelino Alfano è un porco. Chi l’ha portato qua con i voti degli amici? E’ andato a finire là con Berlusconi e ora si sono dimenticati tutti”. “Dalle galere dicono cose tinte (brutte ndr) su di lui”, commentano i mafiosi Masaracchia e Pillitteri, riferendosi alle lamentele dei boss carcerati sul ministro dell’Interno. “E’ un cane per tutti i carcerati Angelino Alfano”, aggiungono.

Poi arriva il riferimento al presidente americano Kennedy, ucciso nel 1993. “Perché a Kennedy chi se l’è masticato (chi l’ha ucciso ndr)? Noi altri in America. E ha fatto le stesse cose: che prima è salito e poi se li è scordati”.

Nella conversazione i due mafiosi parlano della circostanza che Kennedy sarebbe stato eliminato dalla mafia perché, eletto coi voti dei boss, per poi non aver mantenuto i “patti”.

Tra gli arrestati dai carabinieri del Gruppo di Monreale, anche Rosario Lo Bue, capomafia già finito in carcere nel 2008, ma poi assolto e liberato, fratello di uno dei fiancheggiatori della latitanza del boss Provenzano.

A carico dei sei fermati le accuse sono di danneggiamento, illecita detenzione di armi e associazione mafiosa.

Immobili confiscati alla mafia, lo Stato decide di darli in affitto alle Forze dell’Ordine

Pubblicato il 12 Nov 2015 alle 11:51am

(altro…)

Bagheria: imprenditore si ribella al pizzo dopo 20 anni. Con lui altri 35 esercenti

Pubblicato il 02 Nov 2015 alle 11:36am

Ha iniziato a pagare il pizzo venti anni fa. Tremilioni di lire al mese alla “famiglia” mafiosa di Bagheria. Poi arrivano minacce e soprusi durati vent’anni da parte dei boss.

Un imprenditore è finito sul lastrico e ha dovuto chiudere la sua attività commerciale. Alla fine però si è ribellato denunciando i suoi estorsori.

È una delle tante storie delle vittime del racket scoperte dai carabinieri di Palermo che hanno eseguito 22 provvedimenti cautelari a carico di capimafia dei clan bagheresi.

Con la vittima hanno scelto di denunciare dopo anni di silenzio anche altri 35 commercianti e imprenditori della zona: una ribellione che segna una svolta decisiva ed importante nella lotta a Cosa nostra.

Papa Francesco “Userò il bastone contro i preti pedofili”, lotta alla mafia e apertura sul celibato dei sacerdoti

Pubblicato il 13 Lug 2014 alle 10:15am

Papa Francesco dialogando con Eugenio Scalfari, che apre la prima pagina di Repubblica, dice: “La corruzione di un fanciullo è quanto di più terribile e immondo si possa immaginare, la Chiesa lotta perché il vizio sia debellato e l’educazione recuperata. Ma anche noi abbiamo questa lebbra in casa”. (altro…)

Massimo Ciancimino arrestato per associazione a delinquere e evasione fiscale

Pubblicato il 29 Mag 2013 alle 10:48am

Massimo Ciancimino è stato arrestato in seguito ad un’ordinanza emessa dal gip di Bologna, Bruno Perla, con l’accusa di associazione a delinquere ed evasione fiscale. (altro…)

Parte il processo Stato-Mafia: Mancino “Non posso stare in aula con i boss”

Pubblicato il 27 Mag 2013 alle 10:28am

Questa mattina, nella giornata in cui ricorre l’anniversario della strage di via dei Georgofili a Firenze, avvenuta il 27 maggio del 1993, altro messaggio di Cosa nostra alla politica, a oltre mille km di distanza partirà nell’aula bunker del carcere palermitano di Pagliarelli, davanti ai giudici della Corte d’Assise, il processo sulla trattativa tra Stato e mafia. (altro…)

21° Anniversario attentato Capaci in cui persero la vita Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e la scorta

Pubblicato il 23 Mag 2013 alle 11:05am

Sono trascorsi già 21 anni da quel terribile giorno, in cui venivano assassinati il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, e gli umimi della scorta: Rocco Di Cillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani, con dell’esplosivo sull’autostrada per Palermo all’altezza dello svincolo di Capaci. (altro…)

Mafia: blitz dei Carabinieri, 37 arresti tra cui il sindaco di Montelepre

Pubblicato il 08 Apr 2013 alle 9:59am

Un maxiblitz all’alba nel palermitano dove i carabinieri hanno eseguito 37 arresti, e tra questi anche al sindaco di Montelepre, Giacomo Tinervia, accusato di estorsione e concussione. (altro…)

A Roberto Saviano il “Premio nazionale Paolo Borsellino: 10 giorni per la legalità”

Pubblicato il 31 Ott 2010 alle 10:52am

Roberto Saviano, giornalista e scrittore, ha ricevuto a Roseto il “Premio nazionale Paolo Borsellino: 10 giorni per la legalità”. (altro…)