pressione

Cherimoya, per un pieno di antiossidanti e salute visiva

Pubblicato il 05 Lug 2020 alle 7:26am

La cherimoya, nota anche con il nome scientifico Annona cherimola, è un frutto noto per la sua polpa dolce e cremosa. Originario della zona delle Ande, è contaddistinto da benefici molto importanti per la salute. Tra questi, un notevole contenuto di antiossidanti, di acido kaurenoico, flavonoidi, carotenoidi e vitamina C. Per citarne alcuni. Come dimostrato da diversi studi in provetta, la cherimoya è ricca di antiossidanti naturali anche nella buccia.

Degna di nota la vitamina B6 che aiuta a contrastare lo stress psicofisico, la piridossina anche per la sintesi di neurotrasmettitori come la serotonina e la dopamina, cruciali quando si tratta di regolare il tono dell’umore.

Tra gli aspetti da ricordare ci poi anche le possibili ripercussioni sulla vista, anche grazie alla presenza di luteina.

Infine il frutto di cui stiamo parlando è ricco anche di potassio, minerale fondamentale per la regolarità delle pressione.

Credit pHoto Tuttogreen

Salmone, antiossidante naturale ricco di vitamina B

Pubblicato il 17 Dic 2019 alle 6:13am

Il salmone, ricco di proprietà salutari, tra cui primeggiano gli acidi grassi come gli omega-3. Annoverati tra gli acidi essenziali – indi non sintetizzati dal nostro organismo – noti per la loro efficacia antiossidante e antinfiammatoria.

Un etto di pesce contiene circa 2 grammi di questi importantissimi acidi grassi, considerati tra i principali motivi per cui vale la pena introdurre il salmone nella propria alimentazione.

Secondo diversi studi, tra cui quella ricerca del 2012 effettuata da un team di scienziati della Chinese Academy of Medical Sciences – che ha esaminato gli effetti della supplementazione di omega-3 sulla funzione endoteliale (ossia del tessuto che riveste le cavità cardiache), revisionando 16 studi (riguardanti nello specifico la situazione di 901 persone), l’assunzione di omega-3 compresa tra gli 0,45 e i 4,5 grammi quotidiani consente di apprezzare un miglioramento notevole della funzione endoteliale, con ovvi vantaggi per la salute del cuore. Per soddisfare il fabbisogno di grassi omega-3, i nutrizionisti hanno consigliato di consumare, se non sussistono controindicazioni, due porzioni di salmone a settimana.

Tra i motivi per cui è opportuno introdurre questo pesce nella dieta è possibile citare la presenza di proteine nobili, fondamentali quanto gli omega-3 ai fini di una dieta equilibrata. Da non trascurare la presenza di vitamine del gruppo B (il salmone le contiene tutte, fatta eccezione per la vitamina B8).

Queste sostanze sono responsabili di diverse funzioni importanti per la salute umana. Nell’elenco è possibile citare l’efficienza del sistema nervoso e la trasformazione del cibo assunto in energia. Fondamentale è anche la loro carica antinfiammatoria, che le rende delle ottime alleate della salute del cuore.

Il salmone, ottima fonte, anche di potassio e di selenio, minerali utili per la regolarità pressoria e funzionalità tiroidea, dovrebbe essere consumato previa cottura. Come evidenziato dagli esperti di Humanitas, cuocere il salmone consente di annientare diversi parassiti, come per esempio il pericoloso Anisakis.

Nei casi in cui ci si trova nella situazione di consumarlo crudo, è opportuno informarsi in merito al congelamento preventivo che, secondo la normativa comunitaria vigente, deve essere effettuato considerando una temperatura di -20°C e un lasso di tempo di 24 ore prima del consumo.

Per quanto riguarda le alternative per introdurlo nellanostra alimentazione, ricordiamo il salmone in padella, il salmone in padella e la tartare di salmone, semplice da preparare e guarnibile con altri cibi salutari e gustosi, come per esempio l’avocado, finocchi, spinaci, insalate, cavolfiori, ecc ecc.

Omega 3 per chi fa sport, riducono infortuni e migliorano performance

Pubblicato il 01 Dic 2019 alle 7:31am

Se volete migliorare la vostra performance, facendo attività fisica, i tempi di recupero e ridurre anche il rischio infortuni, ecco cosa dovete fare! Assumere omega 3, degli acidi grassi polinsaturi, considerati essenziali perché il nostro organismo che da solo non li sintetizza e vanno quindi aggiunti attraverso l’alimentazione.

“Grazie al loro effetto antinfiammatorio a livello di tessuti e articolazioni sono particolarmente utili per chi fa sport”, sottolinea la dottoressa Jessica Falcone, biologa nutrizionista presso l’IRCCS Ospedale San Raffaele Turro e RAF First Clinic di Milano.

Gli omega 3, inoltre, riducono i livelli di cortisolo, il cosiddetto ormone dello stress, che viene prodotto non solo durante i periodi di particolare tensione emotiva e psichica, ma anche dopo uno sforzo fisico. “A livello cognitivo gli omega 3 migliorano la concentrazione, la memoria e la qualità del sonno e riducono l’ansia. Dopo l’attività fisica svolgono una funzione riequilibrante, abbassando i tempi di recupero”, spiega ancora dottoressa Falcone.

Ma dove si trovano gli omega 3? “Una buona fonte di questi grassi polinsaturi è sicuramente il pesce azzurro come sardine, aringhe, alici, sgombri e salmone, ma anche la frutta secca (mandorle, noci, nocciole…) e i semi oleaginosi (di sesamo, di girasole, di zucca, di lino…), alcune alghe e l’avocado”. Quindi anche chi segue una dieta vegetariana o vegana può assumere omega 3 dalla frutta secca o dai semi. E se la dieta è bilanciata e non si eccede con lo sport, l’apporto dato da una alimentazione equilibrata è sostanzialmente sufficiente.

In altri casi, si può ricorrere ad integratori alimentari che li contengono.

Inoltre, anche se non si è sportivi, questi grassi polinsaturi sono efficaci per abbassare la pressione sanguigna, i trigliceridi e il colesterolo nel sangue e quindi il rischio cardiovascolare, e di diabete.

Poco sale nell’alimentazione aiuta a sgonfiarsi e a tenere sotto controllo pressione arteriosa

Pubblicato il 12 Ott 2019 alle 7:08am

Se si segue una dieta con poco sale è possibile sgonfiarsi e controllare anche la pressione. (altro…)

Ipertensione, controllo della pressione e check up gratuiti al carrello della spesa, Sabato 18 Maggio nei centri commerciali

Pubblicato il 17 Mag 2019 alle 6:58am

Per “scoprire” l’ipertensione, in occasione della Giornata Mondiale che si celebra sabato 18 maggio, torna anche quest’anno, lo speciale appuntamento con la quinta edizione di Medico Amico Day. Un’importante iniziativa dal titolo ‘A cuor leggero’, promossa dal Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani (Snami), con il contributo di Menarini. (altro…)

Powellnux, il gelato antiossidante per conservare energia e salute

Pubblicato il 14 Mar 2018 alle 6:07am

Per prevenire infarto e ictus, migliorare la circolazione e mantenersi in forma a tutte le età in modo naturale, il professor Valerio Sanguigni, cardiologo dell’università Tor Vergata ha guidato una equipe di ricercatori nella sperimentazione di un mix di nocciole, cacao, miele e tè verde scoprendo che è possibile tenere sotto controllo la pressione. (altro…)

Attenzione agli antidolorifici: aumentano la pressione

Pubblicato il 23 Mar 2012 alle 9:59am

Gli antidolorifici come ad esempio l’ibuprofene possono far aumentare la pressione sanguigna e causare altri disturbi alla salute. (altro…)

Troppo zucchero alza la pressione proprio come il sale

Pubblicato il 05 Feb 2012 alle 7:35am

Grazie ad un gruppo di ricercatori dell’Università della California, che ha condotto uno studio, pubblicato sulla rivista scientifica Nature, si scopre che negli ultimi cinquant’anni, almeno negli Stati Uniti, il consumo quotidiano di zucchero è addirittura triplicato. (altro…)