pubblicità

Pubblicità, stop ai modelli estetici ‘anoressici’: il divieto è ora legge

Pubblicato il 08 Mar 2019 alle 9:31pm

A partire dal 9 marzo il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale introduce “il divieto di utilizzare in pubblicità immagini del corpo ispirate a modelli estetici chiaramente associabili a disturbi del comportamento alimentare nocivi per la salute”, annuncia l’Istituto di Autodisciplina pubblicitaria.

Cosa cambia

L’art. 12 bis disciplina che “la comunicazione commerciale di prodotti o servizi suscettibili di presentare pericoli, in particolare per la salute, la sicurezza e l’ambiente e, in generale, vieta il ricorso in pubblicità a rappresentazioni che possano indurre il pubblico a sottovalutare le regole di prudenza o a ridurre il senso di vigilanza e responsabilità verso i pericoli”. La norma include ora in modo esplicito i richiami a “condizioni patologiche del comportamento alimentare, come l’anoressia e la bulimia”. Lo Iap attiverà “i propri meccanismi di sanzione laddove si riscontrino messaggi in contrasto con la nuova disciplina”.

La modifica, spiega ancora lo Iap, “nasce dalla consapevolezza degli operatori della comunicazione che i modelli estetici proposti dalla pubblicità possono in qualche modo condizionare soprattutto il pubblico dei più giovani nel perseguire determinati stili di vita e canoni estetici. Certamente i disturbi del comportamento alimentare sono legati a particolari condizioni di disagio psichico le cui cause sono molteplici. Tuttavia inseguire dei modelli estetici veicolati dai mass media che esaltano le ‘icone della magrezza’ può contribuire negativamente ad alimentare tali disagi”.

Da qui “l’assunzione di responsabilità da parte dell’Istituto, degli enti e degli operatori che ne fanno parte, nel dare il proprio contributo a vigilare su questo nuovo fronte, attivando i propri meccanismi di sanzione laddove si riscontrino messaggi in contrasto con la nuova norma”.

Queste in linea di massima le linee guida, ma su come verranno applicate, per ora, non c’è ancora alcuna chiarezza. Quali siano i criteri per stabilire se un’immagine suggerisca o meno l’anoressia non è stato ancora formalizzato. Non ci sono riferimenti alle taglie, come aveva suggerito tempo fa la moda, impedendo alle taglie 36 di sfilare in passerella.

M5s-Lega: i possibili cambi in Rai, ecco alcuni nomi in lizza

Pubblicato il 04 Lug 2018 alle 9:47am

E’ congelata per ora la proposta di Grillo di privatizzare due reti Rai e lasciare la terza libera, senza alcuna pubblicità. Prima dell’estate, poi, si deciderà sulla scelta del nuovo direttore generale e del presidente, mentre per i capi tg si dovrà attendere il prossimo autunno.

Quella della Rai con due reti sul mercato e una senza pubblicità, avanzata da Beppe Grillo «era una vecchia proposta del movimento Cinque stelle nel programma del 2009. Per ora nel contratto di governo abbiamo inserito esclusivamente che la Rai non vada più lottizzata». Così parlò, scrive Italia Oggi, il ministro del Lavoro e dello sviluppo economico nonché capo del Movimento 5Stelle Luigi Di Maio a proposito di quello che è già stato ribattezzato l’editto di Grillo, ovvero l’ipotesi di privatizzare due canali Rai e di lasciarne uno pubblico ma senza spot: «Rai Tre, Rai Due, Rai Uno: due saranno messe sul mercato e una senza pubblicità».

«La smetteremo con persone di partito all’interno del cda, il direttore generale, presidenti e direttori dei tg. Deve tornare un po’ di merito in Rai, so che è una grande sfida ma è la vera sfida culturale. Se l’industria culturale del nostro e paese ricomincia a fare cultura e non si mette a lavorare per i partiti allora quell’azienda cambia la cultura di tutto il paese», ha spiegato anche il ministro del Lavoro Luigi Di Maio.

Per la poltrona più importante, quella del capo azienda al posto di Mario Orfeo (che comunque con tutta probabilità rimarrà a disposizione dell’azienda) si va da Antonio Azzalini ex Rai ora in forze a Tele Norba a Fabrizio Salini (che avrebbe il gradimento anche del Pd) passando per Luigi Gubitosi (ora in Alitalia), Gianmarco Mazzi e il manager di Google, Fabio Vaccarono. Per la presidenza, si fanno, invece, i nomi di Ferruccio De Bortoli, Milena Gabanelli, Carlo Freccero oltre a quello di Giovanni Minoli sempre più forte negli ultimi giorni.

Si chiama Lucas, ha 18 mesi, il bimbo con sindrome di Down scelto dalla Gerber

Pubblicato il 12 Feb 2018 alle 6:56am

Il marchio Gerber sceglie per la prima volta, come testimonial, per la sua campagna pubblicitaria, un bimbo con la sindrome di down. Si tratta del volto del bimbo più adorabile degli Stati uniti d’America, scelto ogni anno a partire dal 2010 come simbolo del gigante degli omogeneizzati Usa. (altro…)

Campari Red Daries – The Legend of Red Hand: Zoe Saldana è la protagonista del corto diretto da Stefano Sollima

Pubblicato il 30 Gen 2018 alle 5:15pm

Campari, l’aperitivo italiano per eccellenza, presenta oggi a Milano la seconda edizione del progetto Campari Red Diaries con lo shortmovie “The Legend of Red Hand”. Seguendo la filosofia di Campari per cui “ogni cocktail racconta una storia”, il film di quest’anno narra l’estro e la creatività dei bartender, celebrando in particolar modo il talento dei “Red Hand”, ovvero coloro che sono in grado di ideare i migliori cocktail al mondo. Cardine del progetto, “The Legend of Red Hand” vanta la presenza dell’attrice di fama internazionale Zoe Saldana – protagonista dei colossal Avatar e Guardiani della Galassia – e dell’attore italiano Adriano Giannini, con la regia del celebre Stefano Sollima, noto per la serie Gomorra e il film Soldado. Un giallo ricco di suspense e mistero in cui Mia Parc, la protagonista interpretata dall’intrigante Zoe Saldana, parte da Milano, città d’origine di Campari, per un viaggio alla ricerca del cocktail perfetto.

Il film si apre al tramonto in piazza Duomo, a Milano, con la carismatica fotografa Mia Parc, nome che poi è l’anagramma perfetto di Campari. Il regista Stefano Sollima, maestro del thriller, crea un’atmosfera intensa e avvincente seguendo Mia nella sua segreta missione, ovvero scoprire chi si cela dietro la misteriosa figura di Red Hand, l’artefice dei migliori cocktail Campari di sempre.

La totale dedizione alla ricerca del cocktail perfetto porta Mia in giro per il mondo tra Milano, New York, Buenos Aires, Rio De Janeiro, Berlino e Londra, con l’obiettivo di scoprire diversi Red Hand, tutti accomunati dalla stessa passione e talento nel creare i migliori cocktail a base Campari.

L’attrice protagonista del film Zoe Saldana commenta: “Interpretare Mia Parc in The Legend of Red Hand è stata un’esperienza fantastica, che mi ha permesso di immergermi in un mondo ricco di intrigo e mistero attraverso il mio personaggio e la sua ricerca della perfezione. Partecipare a una campagna di comunicazione promossa da un brand con una lunghissima tradizione e iconicità è sempre un piacere. In particolar modo, lo è ancor di più se se il partner è Campari che, oltre ad avere queste caratteristiche, è in grado di riconoscere che dietro a un grande cocktail c’è un grande bartender e che senza il contributo di mani eccezionali gli ingredienti non raggiungerebbero il loro massimo potenziale.”

In merito alla realizzazione del cortometraggio, Stefano Sollima dichiara: “In qualità di italiano che ama raccontare questo genere di storie, è stato un onore dirigere The Legend of Red Hand. Lavorare fianco a fianco con attori di grande talento noti in tutto il mondo e raccontare una storia così misteriosa e intrigante con l’intento di rappresentare un marchio iconico come Campari ha reso l’esperienza davvero indimenticabile. Nel film ho cercato di raccontare l’essenza del successo di Campari: l’ingrediente segreto che consente di arrivare a un risultato così eccellente. In realtà, ho anche capito che quell’ingrediente incide solo in parte sul risultato finale, perché ciò che conta è l’arte della miscelazione. Il vero segreto è nascosto nelle Red Hand, è quello l’elemento che fa la differenza.”

Adriano Giannini, che interpreta il ruolo di Davide, afferma: “Mi entusiasma l’idea che finalmente gli spettatori potranno vedere in azione il talento creativo di Stefano Sollima nel suo omaggio all’italianità di Campari. Sono molto contento di aver dato vita a questa affascinante trama interpretando Davide, personaggio che prende il nome dal fondatore di Campari, al fianco della bravissima Zoe Saldana.”

Bob Kunze-Concewitz, CEO di Campari Group, aggiunge: “Siamo molto orgogliosi di svelare il nuovo cortometraggio Campari Red Diaries e di riportare la première a Milano, la città dove la storia di Campari ebbe inizio. Giunta al secondo anno, la campagna Campari Red Diaries racconta un tema nuovo e interessante, che mostra l’ambizione di Campari a creare il cocktail perfetto, continuando a celebrare il talento dei bartender”.

The Legend of Red Hand è disponibile in tutto il mondo sul canale ufficiale YouTube (www.youtube.com/enjoycampari) e sulle pagine social di Campari. La première e il red carpet si terranno a Milano. Il concept di Campari Red Diaries nasce da un’idea di J. Walter Thompson Milano, compresa la storia originale di The Legend of Red Hand, la cui sceneggiatura è firmata da Stefano Bises. Campari Red Diaries, e quindi The Legend of Red Hand, è prodotto da Think Cattleya.

Cindy Crawford e famiglia testimonial Omega

Pubblicato il 28 Ott 2017 alle 9:42am

Cindy Crawford è la nuova testimonial Omega insieme alla sua famiglia. La splendida top model è ancora la testimonial di Omega, per la pubblicità di orologi, sin dal 1995, ma questa volta si sono aggiunti alla sua immagine, anche quella del marito Rande Gerber e dei loro due bellissimi figli, Kaia e Presley. (altro…)

Dove, ritira lo spot pubblicitario che trasforma la ragazza nera in bianca

Pubblicato il 10 Ott 2017 alle 7:09am

“Volevamo solo testimoniare che rappresentiamo le donne di qualsiasi colore. Ci dispiace se abbiamo offeso qualcuno”: le scuse su Twitter non sono bastate a interrompere gli insulti e le reazioni contro Dove, il noto marchio di prodotti di bellezza, che, dopo lo scivolone di qualche anno fa, ci è ricascato, pubblicando su Facebook una campagna giudicata razzista. (altro…)

Modella “pericolosamente magra”, ritirata campagna pubblicitaria della Yves Sain Laurent

Pubblicato il 04 Giu 2015 alle 7:51am

L’Asa, Autorità di controllo britannica per la pubblicità ha vietato la campagna pubblicitaria della celebre casa di moda francese Yves Saint Laurent, comparsa sul magazine Elle, perché la modella ritratta è “magra in maniera malsana“, ovvero quasi scheletrica. (altro…)

Coca-Cola fuori dalle tv russe

Pubblicato il 07 Ago 2014 alle 11:59am

La pubblicità della Coca-Cola non sarà più trasmessa sulle quattro tv russe vicine al Cremlino proprietà del miliardario Iuri Kovalciuk, azionista principale della Bank Rossiya, istituto di credito colpito dalle sanzioni occidentali. (altro…)

Il David di Michelangelo con un fucile in mano per pubblicità

Pubblicato il 09 Mar 2014 alle 12:21pm

Il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini è intervenuto nella polemica innescata a Firenze dall’utilizzo di un fotomontaggio del David di Michelangelo armato di fucile al posto della fionda nella pubblicità di una nota azienda americana di armi, la ArmaLite. (altro…)

Facebook: presto pubblicità video da 15 secondi sulle pagine

Pubblicato il 02 Ago 2013 alle 10:05am

Secondo le ultime notizie che circolano in questi giorni, Facebook sta pensando alla vendita di spazi pubblicitari, tipo quelli televisivi per 2,5 milioni di dollari al giorno oltre agli attuali annunci sponsorizzati, composti da fotografie e testo. Tali spot potrebbero avere una durata di 15 secondi, iniziare ad essere trasmessi entro la fine dell’anno e riguardare un pubblico di oltre un miliardo di utenti che visitano ogni giorno il social network. (altro…)