Omega 3, un alleato per il cuore: aiutano a riparlo dopo un infarto

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 13 Dic 2016 alle ore 8:53am

cuore e omega tre benefici

Gli Omega 3 sono in grado di ridurre il rischio cardiovascolare e i grassi nel sangue, ma sono anche in grado di ‘riparare’ i danni del cuore dall’infarto.

A rivelarlo un recente studio pubblicato su Circulation, coordinato da Massimo Massetti, direttore dell’Uoc di Cardiochirurgia del Policlinico Gemelli di Roma e titolare della Cattedra di Cardiochirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.

La ricerca in questione ha analizzato gli effetti dell’assunzione di alte dosi di farmaci Omega-3 in pazienti che avevano subito un infarto miocardico acuto (IMA) dimostrando che alte dosi di Omega-3, possono intervenire positivamente nel rimodellamento del muscolo cardiaco. “I risultati di questo studio – ha commentato l’esperto – sono particolarmente importanti, perché dopo un infarto miocardico acuto si verificano delle alterazioni del muscolo cardiaco che dipendono dal grado di sofferenza ischemica legata alla diminuzione dell’afflusso di sangue al cuore. Queste alterazioni vanno dalla necrosi del tessuto con successiva cicatrice fibrosa (infarto vero e proprio) a variazioni di forma e dimensioni del ventricolo sinistro. Questi cambiamenti morfologici possono essere reversibili, con appropriati interventi, nella fase iniziale dopo occlusione coronarica. Se non si interviene, o se si interviene tardivamente, si instaura una progressiva dilatazione del ventricolo colpito dall’infarto con peggioramento della performance contrattile. Questo processo, viene definito di “rimodellamento” e, in base alla gravità, può condizionare la successiva prognosi della malattia”.