gatti

Come accogliere un gatto in casa

Pubblicato il 19 Nov 2018 alle 6:05am

Da più di duemila anni i gatti sono i padroni delle nostre case. Questi piccoli e morbidi felini sono entrati nei nostri cuori (e ovunque riescano a infilarsi) già dall’Antico Egitto, dove venivano addirittura venerati… Se si decide di adottare un gatto in casa propria, è essenziale considerare alcune cose, per sceglierlo e accogleirlo al meglio. Vediamo quali:

1. Se si soffre di allergie. I fenomeni allergici verso i felini sono piuttosto frequenti. Non è il pelo del micio a provocare disturbi ma la loro saliva con cui lavano la pelliccia quotidianamente.

2. Un gatto non è un gioco. Se si pensa di regalarne uno al proprio figlio è bene parlarne subito in modo tale che capisca la responsabilità che insieme a tutta la famiglia dovrà assumersi.

3. Il gatto non è del tutto indipendente, in quanto ha bisogno di coccole, cure e di stare al centro dell’attenzione. Non andrebbe pertanto, lasciato sempre solo e chi si assenta tutto il giorno per lavoro dovrà ritagliare comunque momenti di attenzioni e cure per il suo felino. Un tempo per giocarci, coccolarlo e accudirlo quando si è di rientro a casa.

4. Il gatto costa: necessita in primo luogo di sterilizzazione, vaccini e visite regolari del veterinario che per i gatti anziani diventano più frequenti. Poi prodotti antiparassitari da usare con regolarità, cibo di qualità, medicinali e terapie eventuali.

5. Il gatto può restare solo in casa per una notte (con cibo e acqua a disposizione). Se ci si assenta per più notti è meglio richiedere l’aiuto di persone fidate che abbiano una certa dimestichezza con gli animali. Il tempo di visitarlo tutti i giorni anche per accarezzarlo e farlo giocare, oltre che per mantenere pulita lettiera e non fargli mancare cibo e acqua necessari a sufficienza. Ci sono gatti, infatti, che essendo molto puliti, e dispettosi, se non ricevono al mattino acqua e cibo freschi, finiscono col non mangiare e bere per giorni interi.

6. Gatto piccolo o adulto? Meglio grandicello. Il carattere si evidenzia a partire dai 6 mesi di età.

7. I caratteri (di proprietario e micio) devono coincidere. Ad esempio un gatto più indipendente andrà bene per chi si assenta tutto il giorno da casa. I gatti più affettuosi sono l’ideale invece per famiglie con bambini e anziani, con persone che durante il giorno restano in casa.

8. Avete una casa adatta? Il gatto ha bisogno di movimento, se l’appartamento è piccolo è una buona idea montare delle mensole in altezza per permettergli di scalarle. I gatti amano molto stare in alto.

9. Capire se si ha la casa con balconi o giardino ideali. Meglio montare reti di sicurezza perché molti gatti hanno l’abitudine da finestre e balconi, magari inseguendo insetti o uccelli.

10. Meglio un gatto con pedigree o senza? Le scelte sono personali ma i gatti abbandonati in gattili comunali o nati per strada sono senz’altro più affettuosi e bisognosi di cure. E’ possibile pertanto adottarli attraverso associazioni di animali, annunci social, studi veterinari, amici e persone di famiglia.

Numerosi studi scientifici inoltre sostengono che avere un gatto in casa faccia bene alla salute fisica e mentale!

Chi ha un gatto in casa, giura infatti di sentirsi più rilassato e calmo: il sonno placido del gatto è infatti contagioso!

Inoltre, la presenza di un gatto in caso sembra dare un più sollievo e ristoro a coloro che hanno subito un lutto recente o un trauma grave. Il gatto, dalla sua, con il suo pelo morbido e la sua calma tantrica, il suo fare le fusa, può essere un caro ascoltatore dei nostri problemi e sfogarsi con lui divenire un vero e proprio sfogo!

Anche i gatti come i cani, poi, sono animali molto attenti e sensibili. Vi leggono nel cuore e negli occhi. Non si avvicinano a chi non li ama.

I padroni di gatti sono più anticonformisti, aperti, intelligenti ed empatici dei padroni di cani, perché la loro natura rispecchia perfettamente l’indole del felino!

E ancora… Prendersi cura di un gatto abbassa il livello di stress e ha un effetto calmante su cuore e mente. Uno studio ha rivelato che chi ha avuto un gatto per un lungo periodo corre, considerando ovviamente anche le condizioni di salute, un rischio minore del 30% di ammalarsi di cuore e di soffrire di depressione. Questo accade naturalmente, perché, forse, chi vive a contatto quotidiano con un gatto è in genere una persona più tranquilla e tende ad essere meno stressata di altre.

La città dei gatti, il festival per i gattofili dal 17 al 31 marzo a Roma e Milano

Pubblicato il 15 Feb 2018 alle 6:18am

Il 17 febbraio si celebra la Giornata Nazionale del gatto. Febbraio è il mese dell’Acquario, dominato da Urano, protettore degli spiriti liberi che, come i gatti, non amano sentirsi oppressi da regole troppo rigide. Il giorno 17 richiama ad atmosfere arcane e superstiziose a cui il gatto è legato da tanti secoli. Ecco allora come è nata, anche nel nostro Paese, tale festa. (altro…)

Troppo stress? Arriva il generatore di fusa online che fa bene alla salute

Pubblicato il 13 Ago 2017 alle 6:23am

Le fusa del gatto contribuiscano anche al benessere degli esseri umani. Secondo gli etologi, le fusa di questi essere animali servono a comunicare alla mamma che va tutto bene a partire dall’allattamento, quando ancora non miagolano. (altro…)

Alle porte di Milano, la prima casa di riposo dove poter portare con sé il cane o il gatto

Pubblicato il 25 Giu 2015 alle 8:20am

Una novità che farà piacere a tanti proprietari di animali domestici. . (altro…)

Un amore millenario quello tra specie umana e gatti

Pubblicato il 19 Dic 2013 alle 10:20am

Secondo un recente studio pubblicato il 16 dicembre 2013 sulla rivista ‘Proceedings of National Academy of Sciences’ esistono tracce dell’addomesticamento dei gatti che risalgono a ben 5.000 anni fa. (altro…)

Dal veterinario gratis: marzo mese della prevenzione per cani e gatti

Pubblicato il 04 Mar 2012 alle 10:44am

Nel mese di marzo i nostri amici a 4 zampe, cani e gatti, possono essere portati dal veterinario gratis. (altro…)

“Fido Park 2011”: per gli animali in viaggio, servizio veterinario gratuito in 15 Autogrill

Pubblicato il 04 Lug 2011 alle 7:29am

Da Venerdì primo luglio è partita l’iniziativa “Fido Park 2011”. Un progetto dedicati agli amici animali, che prevede la presenza di un medico veterinario nelle aree di sosta Autogrill. (altro…)

Reggio Emilia: “Pro Plan Cup 2010” cani e gatti in passerella

Pubblicato il 07 Nov 2010 alle 1:31pm

Oggi a Reggio Emilia si tiene la la sesta edizione della “Pro Plan Cup 2010”, la manifestazione mondiale aperta a veterinari, allevatori e amanti degli animali che durerà due giorni. (altro…)

Anagrafe anche per i gatti

Pubblicato il 27 Ott 2010 alle 1:00am

Arriva l’anagrafe anche per i nostri amici felini. Una banca dati informatizzata con i codici identificativi dei gatti dotati di microchip. (altro…)